la Nostra Storia

Senza le nostre radici cosa saremmo? Le nostre radici si chiamano Raffaele Salvemini, RS del nostro logo, un ragazzo intraprendente del sud che arrivò a Genova a creare la sua impresa. Maestro orologiaio, lavorò agli inizi per la curia e piano piano, con mille sacrifici riuscì ad aprire una bottega orafa in via Nino Bixio. La creatività e il gusto del bello dovevano essere una caratteristica di famiglia: la sorella di Raffaele, arrivata in Belgio, diventò sarta della famiglia reale e, tra le altre cose, fu una delle prime donne a pilotare un piper.

Raffaele riuscì ad affermarsi in città, costruendo un progetto aziendale basato sulla classe, l’eleganza e la tradizione. Si trasferì con il laboratorio e il negozio nel palazzo Carpaneto, una sede storica con affreschi Bernardo Strozzi, che rispecchiava alla perfezione il nostro stile.

Dopo di Lui, proseguì la nostra storia, il figlio Vito affiancato dalla moglie Franca che aggiunse il tocco femminile alle creazioni e un pizzico di innovazione nel design. Lo stile di Raffaele viene continuato, ampliando le attività. Vengono così organizzati incontri, convegni, mostre fotografiche. Si apre alla lavorazione dell’argento, con un certo successo, dato che i piatti realizzati a mano in argento battuto e griffato Salvemini vengono scelti dalla Città come regalo per gli Ospiti stranieri importanti. Così attraversammo il secolo scorso fino a quando il timone è passato a Simona che rinnova il negozio ricreandone l’atmosfera di salottino buono nel borgo di Sampierdarena.